New York

Ponte di Brooklyn

Chi non ha mai sognato New York, desiderato di ritrovarsi nella grande mela con borse dello shopping a seguito! Il mio viaggio nella metropoli più frenetica del globo è stato a dir poco sorprendente, l’ho immaginata mille volte prima di partire ma la sensazione provata quando uscita dalla metropolitana mi sono ritrovata nel bel mezzo dei grattacieli è stata sensazionale. Manhattan è sfarzosa, caotica, colorata, rumorosa, ma è nella confusione più totale che tutto

grattacieli

sembra essere al posto giusto, il traffico con i taxi gialli, il fumo che esce da tombini (si davvero esce fumo bianco non è una trovata del film di Batman!!), i camioncini che vendono cibo in modo da mangiare un boccone al volo, perché lì tutti corrono,tutti hanno qualcosa da fare ed è così che cominci a correre pure tu

grattacieli


per sentirti un vero newyorkese! Prima sera, taxi e direzione Time Square, arrivati ci facciamo subito travolgere dai led colorati, una sensazione da capogiro,Times Square è circondata da enormi negozi dalla MAC Cosmetici al Levi’s Store, o il gigantesco Forever 21, e per i più piccoli e non (…!)

ci si può perdere nel negozio della Disney o in quello di Toys R Us, per terminare nel mondo degli M&Ms. A farla da padrone a Times Square sono di sicuro i musical, come Il Re Leone o Billy Elliot, noi non abbiamo avuto modo di vederne uno (buon motivo per ritornare nella Grande Mela!).

Empire State Building e Top of the Rock

Davvero New York ti dà la sensazione di essere al centro del mondo? Quante volte ho fatto questa domanda, io non vi svelo la risposta (facilmente deducibile!!!) ma provate a salire su uno di questi grattacieli e poi vedrete se non vi verrà voglia di urlare
“SONO IL RE DEL MONDO!!!”.
Il dilemma se Empire State Building o Top of the Rock ha colpito anche noi, fino alla decisione di farli entrambi in due momenti della giornata diversi in modo da godersi la città sotto due aspetti.

empire state building top of the rock

Attorno alle 22.00 dopo una lunga giornata in giro per la città decidiamo di salire sull’Empire, poca fila e tanta emozione, arrivati all’86° piano, a 320 metri d’altezza la vista della città spezza il fiato (insieme al vento che tirava!). New York illuminata è romantica, futuristica, incredibilmente bella. Peccato solo per le grate di protezione che non permettono foto che descrivono appieno la bellezza, vi toccherà visitarlo!! La mattina seguente ancora scossi dalle emozioni regalate dall’Empire e certi di non poter essere emozionati di nuovo come la “prima volta” prediamo i biglietti per il Top of the Rock. Subito ci ricrediamo grazie all'ascensore che alla velocità quasi della luce ci ha portato in cima al 67º piano, il soffitto trasparente sfreccia in alto tra giochi di luce e proiezioni che riproducono la storia del Top of the Rock.

top of the rock

Una volta in cima veniamo accolti da una terrazza disposta su tre piani con protezioni questa volta di vetro trasparente permettendo una visuale quasi senza barriere (a differenza dell'Empire dove ci sono grate di ferro). La nostra scelta di osservare la città da due giganti diversi è stata più che ideale. Dal top of the Rock si può vedere sia la distesa verde del Central Park sia proprio l'Empire State Building da una prospettiva, per modo di dire, quasi alla tua stessa altezza!

Non è viaggio a New York se non si fanno gli onori alla regina indiscussa della città, la Statua della Libertà, per ammirarla decidiamo di prendere il traghetto gratuito Staten Island Ferry, che collega Manhattan a Staten Island. Una volta a brodo si salpa lasciando pian piano Manhattan con lo skyline che fa da sfondo alla scia dell’imbarcazione, forse troppo romanticismo in queste parole ma non ne trovo altre per descrivere il panorama mozzafiato visto dalle acque del fiume Hudson!

Staten Island Ferry

Quando meno te l’aspetti e sei in posa per l’ultima foto capace di catturare tutto ciò che i tuoi occhi hanno visto, compare lei con il suo lungo abito verde che sorregge fieramente in una mano la sua fiaccola, la Statua della Libertà è esattamente come me l’aspettavo, imponente osservatrice della città.
Ancora pieni di forze ci dirigiamo alla volta del Ponte di Brooklyn, e qui dovete permettermelo ma non posso astenermi da romanticismi!

ponte di brooklyn ponte di brooklyn ponte di brooklyn

Il ponte mi ha dato una sensazione di infinito e di grandiosità, percorrerlo tutto con i raggi del sole che si infilavano tra i fili di ferro è stato rigenerante. Arrivati a Brooklyn percorriamo una stradina che ci porta in un parco che dà sul fiume con sfondo dello skyline e del ponte... che dire (!) Macchine fotografiche alla mano perché sarete i protagonisti di una cartolina.

Skyline Manhattan

non è finita qui, ma non basterebbero intere giornate per descrivere questo viaggio per la quantità di cose che ho visto e che ancora dovrei vedere, il mio consiglio è di farvi trasportare dalla città accompagnati dal profumo di hot dog e di patatine fritte, ogni strada di New York è una scoperta, perdetevi, aprite la mappa di Manhattan milioni di volte, salite e scendete dalla metro, spezzatevi il collo nel cercare di intravedere il tetto dei grattacieli (impossibile!), ammutolitevi ascoltando il rumore del silenzio quando vi troverete a Ground Zero nel World Trade Center, fate una corsa al Central Park oppure perdetevi nei grandi magazzini come Century21 e Macy's.
New York è semplicemente come l’ho sempre immaginata ma all’ennesima potenza.

Consigli Utili:

  • Documenti di viaggio: a partire dal 12 gennaio 2009 è obbligatorio ottenere un'autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization), oltre al passaporto, per potersi recare negli Stati Uniti nell’ambito del programma "Viaggio senza Visto" (la domanda ha validità di due anni e si può compilare a questo link QUI )
  • Per raggiungere Manhattan dall'aeroporto: combinazione Air Link (trenino che parte dall'aeroporto, ci sono le indicazioni in ogni terminal, pagherete all’uscita) + metro, (mi raccomando acquistate una metro card con abbonamento settimanale).
  • Dove soggiornare: Royal Park Hotel 258 West 97th Street, New York City, NY 10025. Hotel in una buona zona tranquilla e silenziosa, ottima posizione a tre minuti a piedi dalla metro, vicino al central park. Struttura obsoleta vecchia e abbastanza sporca. Valutando i prezzi degli hotel a Manhattan e il tempo che starete effettivamente in stanza è passabile!
  • Raggiungere Time Square: noi abbiamo raggiunto Time Square in taxi poiché stanchi del viaggio ma la si può raggiungere tranquillamente con la metropolitana fermata: “Times Sq - 42 St”, treni: 1 2 3 7 N Q R S.
  • Per risparmiare sui biglietti dei musical: il chiosco TKTS a Broadway all’altezza di W 47th St (in pratica sotto le scale rosse al centro di Times Square). Per gli spettacoli serali i biglietti sono in vendita dal lunedì al sabato dalle ore 15 alle 20; per le mattine i biglietti sono in vendita, invece, dalle 10 alle 14 dal mercoledì al sabato e la domenica dalle 11 alle 15; i biglietti Rush possono essere acquistati la mattina del giorno in cui si desidera vedere il musical, non appena la biglietteria del teatro apre (validi solo per alcuni spettacoli); i Lotterytickets sono invece biglietti che vengono estratti a sorte al teatro 2 ore prima dell'inizio dello spettacolo. Per iscriversi alla lotteria, basta dare il proprio nome, se il nome viene estratto si ha diritto a comprare fino a due biglietti invenduti per 30-40 $ l'uno circa.
  • Empire (ingresso 350 5th Ave) di sera per godere della città illuminata e Top of the Rock (ingresso principale 50th Street fra 5th e 6th Ave) al mattino o al tramonto in modo da poter osservare il polmone verde della città che altrimenti di sera non sarebbe visibile.
  • Metro Card: consiglio l’abbonamento settimanale anche se il soggiorno è inferiore a sette giorni, in quanto il costo di ogni singola corsa è molto alto (vedi info prezzi) e per muoversi si prenderà tante di quelle volte la metro che il vantaggio si avrà già dalle 12 corse con la Metro o con gli autobus in poi.
  • Statua della Libertà: prendere la linea 1 della metro fermata South Ferry Station (N.B. qui sarete circondati da personale di imbarcazioni private che vogliono vendervi il pacchetto per la Statua della Libertà, proseguite verso destra e arrivate all’ingresso per lo Staten Island Ferry) il traghetto gratuito Staten Island Ferry collega Manhattan a Staten Island, attivo 24 ore su 24, passa circa ogni 25 minuti.
  • Per gli amanti di sneakers: Kith NYC Locations: 644 Broadway, Manhattan and 233 Flatbush Ave., Brooklyn Flight Club New York Location: 254 Greene St., Manhattan Niketown Location: 6 East 57th St., Manhattan.
  • Il miglior burger di NY: Shake Shack a Madison Square Park è il più famoso ma ne troverete uno proprio alla fine del ponte di Brooklyn (il più buon panino dellaS mia vita!).

Info Costi:

  • Volo Napoli – Milano € 59,48 A/R Volo Milano – New York € 450,00 A/R. Periodo di viaggio aprile 2015
  • Costo ESTA $14,00
  • Air Link + metro $ 8,00
  • Royal Park Hotel a notte una quadrupla € 135,00 (colazione non inclusa)
  • Metro Card (abbonamento 7 giorni) $31 (+ $1 per l’emissione) – prezzo singola corsa in metro $2,75
  • Empire State Building $ 32,00 per persona
  • Top of the Rock $ 32,00 per persona

prossimo stop a mondo tuo

Atlantic City

Atlantic city

Chiudo gli occhi, ripenso ad Atlantic City e ho i flash della nostra “notte da leoni”. Quattro amici, una limousine e una suite pazzesca… no, non abbiamo vinto alla lotteria ma a volte i sogni si avverano e grazie a due splendide persone siamo stati i protagonisti del nostro film!
Poco distante da New York, Atlantic City è denominata la Las Vegas dell’Est, il sol paragone ci ha fatto immaginare i dollari di Paperone contornati da fiches di tutti i colori.

limousine atlantic city

Effettivamente Atlantic City è così, hotel di lusso con all’interno città-casinò, migliaia di persone e l’incessante tictio delle slot machine, ma mentre un po’ stanco dell’odore di banconote credi che sia tutto qui esci a prendere una boccata d’aria e ti aspetta uno straordinario lungo mare denominato Boardwalk composto da lunghi listoni di legno a spina di pesce con gli edifici color pastello che affacciano sul maestoso Oceano.

Durante la passeggiata ovviamente non mancano ristoranti, negozi di souvenirs, l’imponente ingresso del Caesar’s Palace Casinò (tappa obbligatoria anche solo per godersi l’atmosfera), ristoranti ed anche la possibilità di affittare risciò per continuare il percorso pedalando.

Broadwalk Atlantic city

La nostra giornata è stata scandita da una rigenerante passeggiata accompagnata dalla brezza del mare e il sogno di una suite al 50 esimo piano con tanto di cena in occasione del compleanno del mio "Boy" e puntatina al casinò andata discretamente. Che dire? Divertente, colorata, rumorosa ma allo stesso tempo rilassante e distensiva, ottima per trascorrere alcuni giorni all’insegna dello svago, senza avere particolari pretese, andateci anche se non siete amanti del gioco, vi stupirà positivamente.

caesar hotel atlantic city

Consigli Utili:

  • Come raggiungere Atlantic City: da New York in auto circa 2 ore e 30 minuti. Chi possiede il New York Pass, può raggiungere Atlantic City con il tour di una giornata trasferimento A/R da Port Authority in bus).
  • Dove soggiornare: Tropicana Casino and Resort - S. Brighton Avenue and the Boardwalk, Atlantic City, NJ - tutto impeccabile: servizi, pulizia, personale, cibo! E’ una reggia! La struttura offre mille svaghi dallo shopping al casinò, dai ristoranti alla discoteca. Cena e colazione eccezionali. Suite a tema noi siamo capitati nella “reggia di Versailles”.
  • Shopping: Pier Shops (collegato al Caesar’s Palace da un bel tunnel con vista sul Boardwalk), buona varieta' di negozi famosi, al terzo piano si trovano degli ottimi ristoranti che offrono varie specialita' di cucina (cucina di mare, orientale, buffet economici). Davvero carina la zona relax, con una piccola spiaggia artificiale dove ci si può sdraiare e godersi la vista sulla grande spiaggia di Atlantic CIty e sull'Oceano Atlantico.

prossimo stop a mondo tuo

Miami

Miami South Beach

Pensiamo per un attimo ad un clima quasi tropicale, ad una vita fatta di spiagge, shopping e feste, a fisici che definire scultorei potrebbe sembrare quasi un’offesa, sembra di essere capitati nel mondo di Barbie e Ken! Bene! Eccoci a Miami la star della Florida.

Ocean Drive

La Miami turistica è South Beach, ma per sentirsi dei veri “tipi da spiaggia” toccherà chiamarla SoBe. Difficile non innamorarsi a prima vista del lungomare di Ocean Drive, una strada di asfalto rosa circondata da palme, ristoranti e hotel di lusso, dove si susseguono pattinatrici a colpi di shorts e atleti intenti a fare flessioni e addominali.

Non c’è cosa migliore che iniziare qui la giornata con una corsetta, (o camminata veloce per noi comuni mortali!) assaporando lo stile di vita di questa frenetica città.

Miami beach

C’è spazio però anche per un po’ di relax approfittando della bianchissima spiaggia di South Beach, mare caldo e calmo, sabbia mormida e le lifeguard towers, ebbene si, le torrette dei bagnini esistono!! Coloratissime con guardaspiaggia attenti a controllare la costa stile baywatch.

Qui, però, chi si ferma è perduto e quindi di corsa alla scoperta dello stravagante stile di South Beach. Irrinunciabile una passeggiata tra negozi di tendenza e ristoranti che affollano Lincoln Road e la Collins Avenue.

Miami Ocean Drive Miami  Clevelander

Ma si sa, la parola d’ordine è party, l'eccesso ad ogni angolo diventa irrinunciabile, e noi non siamo stati da meno, siamo passati da un indimenticabile pool party al Clevelander, ad una memorabile serata in un esclusivo club, il Mokai Lounge. Miami non ti farà dormire, luci, musiche, sfreccianti auto sportive di lusso, un mix di sensi saranno coinvolti, per non parlare poi delle persone, un’accoglienza unica, si avverte il calore tipico del sud America, Miami ti trascinerà in un vortice che sarà difficile da dimenticare.

Miami South beach Miami Ocean Drive

Consigli Utili:

  • Per raggiungere South Beach dall’aeroporto: in taxi soprattutto se siete più di due persone, in circa 25 minuti sarete a South Beach.
  • Dove soggiornare: Sunset Appartaments - 1340 Drexel Avenue, South Beach - appartamenti spaziosi, puliti, aria condizionata, wi-fi gratuito, set di cortesia, ottima posizione (centrale ma tranquilla).
  • Dove mangiare: Cheeseburger Baby - 1505 Washington Ave, Miami Beach, FL 33139, - un panino che crea assuefazione, cucina a vista, prodotti freschi e di qualità.
  • Locali: Nikki Beach - 1 Ocean Dr, Miami Beach - locale di tendenza sulla spiaggia, divanetti, musica e intrattenimento. Tappa obbligatoria. Mansion - 1235 Washington Ave, Miami Beach - locale molto grande con diverse sale con musica diversa, spesso ospita artisti di fama mondiale. Mokai Lounge - 235 23rd St, Miami Beach – club ricercato, non turistico, clientele selezionata, c’è bisogno di essere inseriti in lista; Set - 320 Lincoln Rd, Miami Beach - locale piccolo, arredamento molto chic e clientela selezionata.
  • Centro commerciale Bayside Marketplace. Collocato sulla baia di Biscayne, locali caratteristici, vista stupenda e punto di partenza delle mini crociere.
  • Downtown, è il quartiere residenziale e centro economico di Miami, ricco di grattacieli e gli uffici. Da South Beach è raggiungibile con l’autobus S oppure il C.
  • Per muovervi noleggiate una bicicletta da Bike and Roll Miami - 210 10th St, Miami Beach - South beach ha una pista ciclabile che costeggia l'oceano e Ocean Drive, in bici si vive ogni particolare di miami beach!.
  • Le spiegge sono per la maggior parte libere, quindi dovete provvedere voi al necessario.
  • ATTENZIONE: South Beach è un posto tranquillo ma bisogna evitare assolutamente i quartieri più isolati (Liberty City, Carol City, Overtown e Opa Locka) poiché molto pericolosi, evitare anche di camminare con banconote di 100$ per non dare nell’occhio.

Info Costi:

  • Volo American Airways Roma-Miami a/r € 857,00 PERIODO DI VIAGGIO AGOSTO 2013
  • Taxi aeroporto / South Beach $ 35.00
  • Sunset Appartaments: 2 notti 2 persone (appartamento da 4) € 273,00 ad appartamento
  • Fitto bici $ 24.00 al giorno
  • La maggior parte dei locali ha ingresso gratuito ma attenzione al prezzo della consumazione all’interno sui $ 20.00 / $ 25.00
  • Costo biglietto autobus circa $ 2.oo (si paga direttamente in vettura)

prossimo stop a mondo tuo

Caraibi Orientali

Caraibi Orientali

Molti credono che la crociera sia noiosa, un po’ monotona e non adatta a giovani in cerca di divertimento e serate indimenticabili, personalmente sarà stato il calore latino o il mare caraibico ma quei sette giorni a “zonzo” per i Caraibi orientali io proprio non li dimentico più! Entrare in una nave da crociera sa di incredibile, ho ripetuto milioni di volte la teoria del principio di Archimede tanto non mi sembrava possibile di come quella città galleggiante fosse capace di restare a galla!! Entusiasmo a fior di pelle, un gigante del mare pronto a salpare e a lasciare lo skyline di Miami, inizia un sogno fatto di cocktail a bordo piscina, splendide giornate estive in mezzo all’oceano, serate sfrenate in discoteca e memorabili vincite al casinò!

Carnival Liberty Carnival Liberty
Half Moon Cay

In quei momenti di totale relax, vi assicuro che la terraferma è solo un lontano ricordo, non sarei voluta essere in altro luogo! E invece messa da parte la pigrizia che travolge anche i più dinamici ci immergiamo alla scopreta di aclune delle isole caraibiche: Half Moon Cay, un'isoletta privata delle Bahamas, non ha rivali per bellezza e tranquillità, la scritta che fa da ingresso alla spiaggia "I wish I could stay here for ever" dice tutto..un vero paradiso!

La prossima tappa ci porta a St. Thomas, una delle isole Vergini Americane, con spiagge di sabbia bianca, a tratti selvagge, acque critalline e calde, Magen's Bay è senza dubbio una delle spiagge più acclamate, definita da National Geographic tra le 10 più belle al mondo..provare per credere! Se poi potevamo pensare di aver visto davvero tutte le possibili tonalità di azzurro del mare ecco Gran Turk in cui il cielo blu si confonde con le sfumature del mare che pian piano assumono colorazioni intense e sempre più turchesi. Un mare straordinario, da cartolina, i cui colori mi rimarranno a lungo nella mente e nel cuore. Infine Portorico, un viaggio in questa terra non può prescindere dalla visita alla sua capitale, San Juan, qui si vive la quotidianeità dei Caraibi, è una città da un forte vissuto, caratterizzata da case dalle facciate colorate e un affascinante spirito tutto suo.

Portorico Magen's Bay

Tornare alla quotidianità, si sa, non è mai un momento particolarmente piacevole, questo viaggio mi ha lasciato tante immagini impresse nella mente, se ripercorro le tappe posso sicuramente dire che i Caraibi sono molto di più di una spiaggia bianca e soffice come il borotalco e di un’acqua di un turchese che acceca, i caraibi sono calore, sorrisi, musiche e poi lasciatemelo dire la crociera è nata per creare assuefazione, sono certa che la celebre farse della pubblicità “Sono appena tornato” sarà la vostra buona scusa a tutto!!

Portorico - Carnival Liberty

Consigli Utili:

  • Porto di imbarco: "PortMiami", Dodge Island 1015 N. American Way Miami (situato nella Baia di Biscayne);
  • Compagnia di crociera: Carnival Cruise Lines, nave Carnival Liberty;
  • Dopo il check in degli addetti preleveranno i vostri bagali che troverete direttemente in cabina;
  • La cabina viene sistemata e pulita due volte al giorno;
  • Ogni giorno in cabina troverete un opuscolo informativo dove viene riportato tutto quello che c'è da sapere per il giorno dopo: posto di arrivo, ora di sbarco, di imbarco prima di ripartire, meteo, spettacoli, attività dell'animazione, come vestirsi per la cena al ristorante. Durante la settimana ci saranno organizzate due cene di gala, ed è richiesto un abito elegante;.
  • Si paga unicamente con la Carnival Card (tranne per il casinò dove circolano contanti), saldate tutto prima dell'ultimo giorno prima dello sbarco per non fare una lunga fila all'ufficio cassa per pagare il conto totale;
  • Escursioni: - Half Moon Cay è un'isola privata della Carnival, non ci sono escursioni da fare, il pranzo sulla spiaggia, un magnifico buffet con carne alla brace, è gratuito; - St. Thomas vicino al porto abbiamo preso dei grossi pick-up americani, giro dell'isola e sosta a Megen's Bay; - Gran Turk è una destinazione quasi esclusiva Carnival, le escursioni si possono fare solo con la nave da crociera e noi abbiamo optato per lo snorkeling; - San Juan all'ingresso del porto abbiamo preso un taxi che ci ha portato in giro per la città vecchia con diverse soste..

Info Costi:

  • Cabina interna, (comprensivo di mance) € 520,00 a persona. Periodo di viaggio Agosto 2013;
  • St. Thomas: pick-up $ 5.00 a persona;
  • Gran Turk: navetta e attrezzatura per lo snorkeling $ 20.00 a persona;
  • San Juan: taxi $ 10.00 a persona

prossimo stop a mondo tuo

Cuba

gili trawangan

Si apre il portellone dell’aereo, il forte odore di aria umida e penetrante subito mi assale, adrenalina e trepidazione fanno dimenticare in un attimo le tante ore di volo, inizia il mio viaggio: eccomi a Cuba! Di colpo tutto rallenta: la coda ai controlli di immigrazione, i ritmi pigri degli inservienti alle toilette, le valige nel frattempo scaricate dal nastro e ammucchiate in un angolo, ma d’altronde questa è la filosofia cubana, “chi va piano va sano e va lontano” e a noi viene chiarito il concetto sin da subito! Ti ritrovi a camminare per La Habana così naturalmente che in un attimo ti abbandoni ai suoi suoni e colori, puoi perderti tra un mojito ed un daiquiri nelle mete turistiche alla ricerca del mito di Hemingway o più semplicemente farti travolgere dalla totale mancanza di fretta che si respira tra i volti dei cubani costretti a ripetere continuamente la parola “tranquilo” a stranieri affannati e di corsa anche quando sono in vacanza!!!

cuba cuba cuba

Camminare per le viuzze del centro fa sembrare che il tempo trascorra ad un'altra velocità o addirittura che si sia fermato… basta poco per capire che non è questo l’importante, questa terra ha un’anima, ha l’anima di chi scrive sul proprio carrettino di cocchi “YO AMO A MI TIERRA”, ha l’anima di chi fa della musica il proprio DNA e ci tiene a sottolineare che “un cubano que no pueden bailar salsa no es un cubano” e allora ecco che questa volta non vi parlerò di monumenti o di luoghi da visitare, ma cercherò di trasmettervi le sensazioni che un viaggio in quest’altra parte del mondo regala.

cuba cuba
monkey forest

Ovunque, in città, ma anche nel resto dell’isola, una moltitudine di auto direttamente sbucate dagli anni ’30, ’40, e ’50. Molte sono miracoli ambulanti che camminano grazie alle maniacali cure del proprietario e, perché no, all’aiuto di turisti che in alcuni casi spingono il veicolo in un estremo tentativo di rianimazione (a noi è capitato!). Tutte coloratissime, luccicanti e con quasi sempre stereo ad alto volume con musica latina che vi creerà dipendenza, le vedi muoversi imponenti nello scarso traffico garantendovi per un attimo il ruolo da protagonista di una vecchia pellicola!

cuba

Anche la povertà è ben visibile in ogni angolo dell’havana; alcuni palazzi sembrano sul punto di crollare, ma se poi ti fermi a guardare attentamente alle finestre le luci sono accese e qualcuno sta preparando la cena, è visibile negli occhi di chi in un torrido pomeriggio di agosto ti chiede un po’ d’acqua, ma è la stessa povertà che si sposa, a detta dei cubani, con l’efficacia del sistema di istruzione pubblica, obbligatoria e completamente gratuita, così come il sistema sanitario che garantisce a tutti i cittadini cubani l'accesso gratuito a qualsiasi tipo di cura.

E allora eccoti a voler capire questo modello sociale e questa storia così unica che si scontra così radicalmente con la nostra. Qui lo Stato controlla tutto, dalle abitazioni ai ristoranti e agli alberghi, salvo alcune eccezioni, è praticamente tutto di proprietà statale. Lo Stato garantisce ad ogni cubano la libreta: una tessera con cui ogni mese si ha diritto ad avere una certa quantità di riso, grano, pollo, fagioli, latte, o poco altro. Ho iniziato a chiedermi e a chiedere cosa ne pensassero i cubani di Fidel, la prima reazione è cauta e prudente, ma poco dopo la realtà esce fuori, il sorriso che ogni cubano regala così spontaneamente non è certo frutto di un sistema perfetto, (qui i salari in media non superano i 30 euro mensili, parlo anche per un dottore), nei loro discorsi, però, una cosa in comune, una propensione positiva verso Raul, con Raul i cubani non si fermano al loro presente impregnato di passato ma riescono a guardare finalmente al futuro.

Pura Ulun Danu Bratan Pura Luhur Ulu Watu

Il mio viaggio nell’isola continua alla scoperta di Varadero; appena usciti dalla città il paesaggio cambia immediatamente. Le strade disastrate e piene di smog di Havana lasciano il posto ad ampi spazi di vegetazione. Dicono che “Varadero non è Cuba ma gli Stati Uniti” effettivamente Varadero è grandi strade pulite, negozietti, e alberghi e villaggi super organizzati, sicuramente tutta un’altra storia, si turistica ma con una spiaggia bianca e larga e il mare di un intenso turchese. Una delle immagini più vivide che ho di Varadero è proprio questa spiaggia lunghissima, accarezzata di mattina da un’acqua calma e calda e a metà pomeriggio dolcemente increspata.

Ma vacanza a Varadero non è soltanto sinonimo di relax in riva al mare, il centro regala locali tipici cubani come “La Casa de la musica” per non parlare della “Calle 62” una strada che di sera viene chiusa per far ballare sotto il cielo a ritmo di salsa, riuscendo a trascinare anche chi il ballo non ce l’ha proprio nel sangue!!

varadero varadero

Giorno dopo giorno capisco che Cuba sono le persone che si incontrano, quindi fermatevi a parlare con la gente, sarà fonte di esperienza vera di viaggio, capirete il loro modo di vivere, imparerete che questa corsa alla vita che intraprendiamo ogni giorno non ci porterà niente, ma vale di più perdere qualche cuc proposto da un bel gruppetto di italiani per “trascorrere un po’ di tempo con il proprio figlio” (parole di Eddy tassista dell’Havana). Capiterà che per strada vi fermeranno per consigliarvi un bar o un locale piuttosto che un altro poiché avranno la loro commissione, se il posto non vi piace cercatene tranquillamente un altro, ma approfittate di quei momenti per una chicchierata: Antony, Eddy, Manolito, tanti ne ho incontrato, e, chi più chi meno, ognuno mi ha lasciato qualcosa di prezioso, capire come vivono i cubani, ascoltare le loro storie sarà una ricchezza che nessuna guida di viaggio potrà regalarvi: tornerete con qualcosa in più nel vostro bagaglio e tanti pregiudizi in meno.

havana

Consigli Utili:

  • Documenti di viaggio: 1- Passaporto con una validità residua di almeno 6 mesi;
  • Assicurazione di viaggio per entrare nel Paese che copra le eventuali spese mediche; 3- Visto d'ingresso che permette una permanenza a Cuba di massimo 30 giorni. COME OTTENERE IL VISTO PER CUBA: il modo più economico per ottenere il visto è quello di recarsi presso il Consolato di Cuba in Italia (basta cercare su internet la sede della propria città); si può richiedere il Visto anche in agenzia, metodo veloce ma un po' più costoso; ATTENZIONE alcune compagnie aeree (come nel mio caso Air Canada) forniscono il visto direttamente sull’aereo che è compreso nel prezzo del biglietto. Una volta entrati a Cuba il vostro ingresso sarà registrato dalla dogana tramite un timbro apposto sulla Targhetta Turistica, "Tarjeta de turista", da conservare fino all'uscita dal paese. N.B. per ottenere il visto al Consolato o in Agenzia bisogna portare:
    • passaporto valido almeno 6 mesi;
    • prenotazione del volo di andata e ritorno.
  • Dove soggiornare: HAVANA: Casa Particular Casa Magnolia – Virtudes n. 461 Bajos e/Campanario u Perserancia La Habana Cuba (05-268-6398)- Il soggiorno nella casa particular regala un incontro diretto con la cultura cubana. Le case particular non sono degli alberghi, ma in compenso vi offrono tanta autenticità. Colazione tipica cubana preparata la mattina per voi, camera con bagno in camera e aria condizionata, ambiente dignitoso e pulito, tuttavia un intoppo non è mancato: in tutte le nostre camere (3 per la precisione) sono stati sottratti degli indumenti, sicuramente non accadrà in tutte le case ma prestate molta attenzione alle valigie magari chiudendo beni e vestiti nel bagaglio con il lucchetto. VARADERO: Ocean Varadero El Patriarca, prenotato su h10hotels struttura di nuova costruzione (circa 3 anni), camere molto spaziose, pulite, free frigo bar riempito ogni giorno, piscina molto grande con bar in acqua, personale gentile e disponibile, spiaggia tra le più belle che ho visto sul litorale, ci sono circa 5 ristorante tra cui uno direttamente sulla spiaggia, cibo discreto e abbastanza vario.
  • Escursioni: Dura un giorno solo, ma un’escursione in catamarano a Cayo Blanco è una tappa imperdibile per chi passa le vacanze a Varadero. L’escursione parte dalla zona della Marina con i catamarani denominati “Crucero del sol” si parte verso il Rancho Cangrejo dove ci sarà l’interazione con i delfini (esperienza indescrivibile), seconda tappa snorkeling intorno alla zona della barriera corallina (maschera e tubo forniti dall’equipaggio e poi regalati) infine pranzo e bagno nella bianchissima spiaggia di Cayo Blanco. Bevande a bordo e snack nel pomeriggio.
  • Moneta: A Cuba vi sono due valute ufficiali, il peso convertible CUC (valuta utilizzata dai turisti) e il peso cubano CUP, utilizzato principalmente dai Cubani. Il CUC ha il valore del dollaro americano quindi 1 CUC = 1 € (più o meno), ho cambiato presso i cambi ufficiali all’Havana ma bisogna andare molto presto la mattina sia per la fila sia perché capita che ad un certo punto della giornata finiscono i soldi (c’è bisogno del passaporto per il cambio).

Info Costi:

  • Volo Air Canada Roma-Montreal-Varadero A/R € 810,00. PERIODO DI VIAGGIO AGOSTO 2016.
  • Assicurazione sanitaria € 25,00.
  • Visto incluso nel biglietto aereo.
  • Casa particular 35 CUC al giorno a camera compresa colazione.
  • Ocean Varadero El Patrarca € 1.260,00 a camera 8 notti all inclusive.
  • Escursione in catamarano a Cayo Blanco più delfinario € 100,00 (pranzo e snack compresi).
  • Havana Cafe: ingresso 20 CUC e cena 20 CUC a persona.
  • Casa de la Musica Varadero ingresso 10 CUC.
  • Taxi Villaggio Varadero – centro di Varadero (zone locali) 15/20 CUC.
  • Prima di lasciare Cuba (dopo il check-in in aeroporto) NON è più in vigore la tassa di 25 CUC.